Top Social

Image Slider

Il Melograno #seguilestagioni

lunedì 8 ottobre 2018
Per tutta l'estate osservo il giardino crescere, sbocciare e poi svanire.
I fiori macerati dal sole fino a qualche giorno fa, hanno lasciato spazio ad accenni d'autunno.
E' un momento di transizione e di vita in evoluzione,
di quiete durante le passeggiate autunnali  a raccogliere i nuovi frutti e cogliere profumi nell'aria.
Le tavolozze paesaggistiche riscoprono la variegata gamma dei toni del foliage,
dei tramonti sempre più brevi con i malva e i rossi infuocati color granato.
Granato, come l'altro nome del melograno.


Nome botanico:
Punica granatum
Arbusto della famiglia botanica Punicaceae

Originario secondo alcuni dell'Africa settentrionale e dell'Asia occidentale,
secondo altri della regione mediterranea.
Viene coltivato soprattutto nei luoghi caldi e si trova talora spontaneo 
nelle campagne e vicino alla costa, con i suoi fiori con petali rosso fuoco.
Gli effetti benefici del melograno sono noti in Oriente da millenni.
Oggi ci sono innumerevoli pubblicazioni riguardanti gli effetti antiossidanti,
antipertensivi e antinfiammatori del suo succo. 
Il melograno ha anche altre proprietà ed è nella composizione molto particolare del suo olio che dobbiamo cercarle. 
Dalla pressione a freddo dei semi e dall'estrazione in CO2,
si ottiene un olio vegetale di un giallo brillante,
prezioso e ricco di benefici.
Il profumo è verde, con un leggero odore di biscotto.

I semi di melograno contengono acido punico, un acido grasso polinsaturo (omega-5) 
con una struttura vicina all'acido linoleico. 
Quest'acido grasso molto raro è rinomato per le sue potenti proprietà antinfiammatorie.

Oltre alle sue virtù calmanti e lenitive, gli studi dimostrano che l'olio di semi di melograno stimola la proliferazione dei cheratinociti, utili nei processi di riparazione della pelle.
L'attività rigenerante unita alla presenza di fitosteroli, con proprietà antiossidanti e antiradicali,
fanno di questo estratto un alleato per limitare gli effetti del tempo
e la formazione di rughe e linee sottili.
La particolare combinazione dei principi attivi, fitosteroli, vitamina E ed F, rende l'olio di melograno biologico un cosmetico di ricchezza ineguagliabile.
Proprietà:
Calmante e potente antinfiammatorio
grazie alla ricchezza di acido punico
Potente antiossidante, la sua azione anti-radicale aiuta a combattere gli effetti di UV,
stress e inquinamento e previene la formazione di linee sottili e rughe.
Stimola i meccanismi di riparazione della pelle,
la proliferazione dei cheratinociti e l'ispessimento dell'epidermide.

Indicazioni:
Qualche goccia, addizionata ai trattamenti abituali,
può essere utile in caso di
-pelle irritata, eczema, pelle screpolata, tagli da rasoio
-pelle matura, rughe e linee sottili
-pelle reattiva, sensibile al rossore e all'irritazione
-scottature, ustioni
..........................


 Prosegue il nostro appuntamento con la lista della spesa,
che include, come sapete, anche piante e fiori in vegetazione,
mese per mese.

Questa è la lista della spesa di Ottobre #seguilestagioni
(a cura di Anna Marangella)  

 


Ci trovate alla nostra pagina Facebook,
su Pinterest
e su Instagram con l'hashtag #seguilestagioni


Le amiche blogger che partecipano al progetto:
Anna Marangella - Ultimissime dal forno
Simona Milani - Pensieri e Pasticci
Susy May - Coscina di pollo
Alisa Secchi - Alise Home Shabby Chic
Beatrice Rossi - Beatitudini in Cucina
Miria Onesta - Due Amiche in Cucina

Lisa Verrastro - Lismary’s Cottage
Enrica Coccola
- Coccola Time
Sisty Consu
- I biscotti della zia
Maria Martino
- La mia casa nel vento
Ely Valsecchi
- Nella cucina di Ely
Francesca Lentis
- Crudo e cotto
Ilaria Lussana - Biologa nutrizionista




*Come tutte le sostanze,
alcuni composti naturali possono presentare un rischio di allergie nei soggetti sensibili.
Come regola generale, fate sempre una prova all'interno del gomito, almeno 48 ore prima dell'uso.
Proprietà, indicazioni e modalità di utilizzo sono derivati da libri di aromaterapia e fitoterapia. Tuttavia, queste informazioni sono solo a scopo informativo, non costituiscono in alcun modo informazioni mediche e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l'assunzione o la sospensione di un farmaco, non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico o di uno specialista.
Per utilizzare gli oli essenziali, oli vegetali o piante a scopo terapeutico, 
ricordate di consultare sempre un medico. 

Trend Olfattivo #violetta - Ultra Violet PANTONE per #seguilestagioni

lunedì 5 febbraio 2018
"Viviamo in un tempo che richiede creatività e immaginazione" 
ha detto Leatrice Eiseman, direttore esecutivo del Pantone Color Institute, in una dichiarazione.
Sarà per questo motivo che dopo un anno Greenery,  
tentativo di portare un po 'di conforto in previsione del tempestoso 2017,
per il 2018 Pantone ha scelto un colore più contemplativo e del tutto esistenziale:
Ultra Violet, "un viola a base di blu che porta la nostra consapevolezza 
e potenzialità a un livello superiore".
"Dall'esplorazione delle nuove tecnologie e della galassia più grande, all'espressione artistica e alla riflessione spirituale, l'intuitivo Ultra Violet illumina la strada verso ciò che deve ancora venire."
Fa pensare a "i misteri del cosmo, l'intrigo di ciò che ci aspetta" e "il vasto e illimitato cielo notturno".

Anche le case cosmetiche e l'universo profumeria,
riscoprono la Violetta, proponendo composizioni floreali non convenzionali.

  
Viola Odorata
Della famiglia delle Violaceae, che comprende circa 400 specie,
tra quelle più comuni si trova la viola mammola o violetta di Parma.
Il fiore, solitamente doppio, è composto da cinque petali e il suo colore varia dal bianco al viola intenso, la foglia cuoriforme è grossa e lucida.
Compare con l'arrivo della primavera,
ancor prima che agli alberi crescano le foglie.
 E' facile trovarla nei boschi e nelle zone umide.
Nel linguaggio dei fiori simboleggia umiltà e modestia.

La pianta fu importata in Europa probabilmente dal Nord Africa o dall’Oriente, essendo molto sensibile al freddo e alle intemperie, si presuppone provenga da zone con un clima temperato.

Gli Arabi furono i primi a distillarne il prezioso olio essenziale.
Si riteneva che il profumo della violetta desse sollievo e rendesse più robusto il cuore.
In passato l’utilizzo di questo fiore nella produzione di profumo fu massiccio,
non solo in Francia ma anche in Inghilterra e Italia
I costituenti profumati si trovano sia nelle foglie che nei petali.
L’olio essenziale ricavato dalle foglie è di colore verde, con un aroma fresco e deciso,
mentre quello dei fiori è di colore giallo-verde, con un aroma floreale ricco e dolce.
Molto utilizzata in profumeria, l'assoluta di foglie di Violetta ha un odore fresco ed erbaceo che ricorda l'erba appena tagliata, con accenti verdi e polverosi.
È apprezzato nella composizioni di profumi,
per la capacità di arrotondare e sostenere note floreali o legnose.
Perfetto per un tocco verde e dolce, ideale per temi floreali e primaverili,

o per portare un tocco romantico.
È una nota molto particolare, che può essere usata da sola o combinata con altre note floreali, legnose o dolci.

Profumo terroso e polveroso che ricorda il rizoma dell'iris quando si parla del fiore;
metallico, verde e acquoso quando si parla della foglia.
La viola è nota per il suo dolce profumo floreale,
ma anche per la sua ampia varietà di proprietà terapeutiche:
aiuta a combattere i raffreddori, asma, dolori reumatici e una serie di infezioni. 
La radice della viola ha proprietà terapeutiche ed è usata nella medicina tradizionale,
ma non come componente di profumo.
La violetta era il simbolo dell'antica Atene ed era uno dei fiori preferiti di Napoleone.

Il profumo delle foglie è diverso dal profumo dei fiori.
Il fiore ha un profumo legnoso floreale, dovuto agli iononi (le molecole odorose del fiore).
Le foglie emanano un aroma intensamente verde, che ricorda l'erba appena falciata.
Il profumo fresco delle foglie di violetta è componente integrante di composizione di molte fragranze, da quelli fresche e floreali e quelle orientali speziate e fougere.

La violetta di Parma rappresenta, per il mondo della profumeria italiana, un patrimonio storico e culturale di cui essere fieri.

Nelle creazioni moderne, la rappresentazione olfattiva della violetta si ottiene attraverso l’impiego di molecole di sintesi dette iononi (dal greco ion, violetta) scoperte nel 1893 dai chimici tedeschi Tiemann e Krüger, per infondere il delicato profumo discreto, elegante e con un aggraziato tocco retrò.
La foglia della violetta invece si sottopone a distillazione a vapore o ad estrazione con solventi vari per ricavarne l’odore che, oltre all’effetto “cipriato” tipico del fiore, aggiunge la verde freschezza di un accenno vegetale. 
Ma, almeno in passato, si è potuto utilizzare il delicato petalo della violetta in composizioni profumate.

Nome scientifico: Viola odorata
Nome comune: Viola mammola
Parti usate: fiori foglie e rizoma
Componenti: Rizoma - saponine, olio essenziale,glicosidi, composti antocianici. Fiori e foglie - pigmenti antocianici, mucillagini, olio essenziale, saponi e flavonoidi.
Proprietà: emollienti, espettoranti, diuretiche, antinfiammatorie, aromatizzanti.
Uso: 
Sciroppo -  100 g di violette fresche in 1 litro di acqua bollente. Filtrare dopo 12 ore avendo cura di spremere bene i fiori e aggiungere 8 g di zucchero. Filtrare dopo qualche giorno.

Tè di violette - 20 g di fiori freschi in un litro di acqua bollente. Infondere per 30 minuti. Filtrare e consumare durante la giornata.

..........................

 Prosegue il nostro appuntamento con la lista della spesa,
che include, come sapete, anche piante e fiori in vegetazione,
mese per mese.

Questa è la lista della spesa di Febbraio #seguilestagioni

(a cura di Anna Marangella)

Ci trovate alla nostra pagina Facebook,
su Pinterest
e su Instagram con l'hashtag #seguilestagioni


Le amiche blogger che questo mese partecipano al progetto:
Anna Marangella - Ultimissime dal forno
Simona Milani - Pensieri e Pasticci
Lisa Verrastro - Lismary's cottage
Enrica Coccola - Coccolatime
Susy May - Coscina di pollo
Ely Valsecchi - Nella cucina di Ely
Alisa Secchi - Alise Home Shabby Chic
Beatrice Rossi - Beatitudini in Cucina
Miria Onesta - Due Amiche in Cucina
Sisty Consu - I Biscotti della zia



*Come tutte le sostanze,
alcuni composti naturali possono presentare un rischio di allergie nei soggetti sensibili.
Come regola generale, fate sempre una prova all'interno del gomito, almeno 48 ore prima dell'uso.
Proprietà, indicazioni e modalità di utilizzo sono derivati da libri di aromaterapia e fitoterapia. Tuttavia, queste informazioni sono solo a scopo informativo, non costituiscono in alcun modo informazioni mediche e non possono essere utilizzate per formulare indagini cliniche, non devono essere considerate come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento, l'assunzione o la sospensione di un farmaco, non possono sostituire in alcun caso il consiglio di un medico generico o di uno specialista. Per utilizzare gli oli essenziali, oli vegetali o piante a scopo terapeutico, ricordate di consultare sempre un medico.

Auto Post Signature

Auto Post  Signature