Top Social

Come realizzare una " Cold Cream "

lunedì 29 novembre 2010
Brrr....è arrivato il freddo!!!

Odio avere le mani gelide ! Per chi come me , in questo periodo , si ritrova con le mani tutte screpolate e arrossate , ecco un rimedio tanto antico quanto efficace : la Cold Cream
Dobbiamo infatti risalire ai tempi degli antichi romani , per conoscere questa ricetta di Galeno , il quale scrisse su molte branche della farmacia e della medicina , e che viene ricordato per aver formulato il ceratum refrigerans, letteralmente la cera rinfrescante o "cold cream". Si chiama così perché, al contrario degli unguenti e degli olii, la presenza di acqua la rende rinfrescante sulla pelle, o per lo meno è più rinfrescante di un unguento composto da soli olii e burri vegetali.
La ricetta base, che è stata usata per almeno altri 1500 anni , è semplicissima:
60% olio
20% cera d’api
20% acqua
 
*°* Ricetta per 100 gr di Cold Cream *°*
60 gr di oli così suddivisi : 
♥ 20 gr di Olio di Oliva
♥ 20 gr di Olio di Riso
♥ 10 gr di Olio di Jojoba
♥ 5 gr di Burro di Karitè
♥ 5 gr di Burro di Cacao ( chiaro )

♥ 20 gr di Cera d'Api

♥ 20 gr di Acqua di Rose ( o 20 gr di acqua distillata )
Dopo aver pesato con precisione tutti gli ingredienti , fate sciogliere dolcemente la cera , oli e burri a bagnomaria ; contemporaneamente fate scaldare l'acqua di rose...
Una volta sciolti , togliete dal fuoco e , frullando ,versate a filo l'acqua di rose , poco alla volta , fino ad esaurimento.
Frullate , frullate.... fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea...♥
A questo punto , la temperatura della crema , sarà leggermente calata...questo è un momento cruciale per la buona riuscita : continuate a miscelare, con l'aiuto di un cucchiaino o di una spatola.
E' importantissimo aspettare che la Cold Cream si raffreddi naturalmente con lentezza: se cerchiamo di raffreddarla velocemente una parte dell'acqua si separerà in piccole goccioline e addio crema !
E questo è il risultato ! Il colore della crema , mano a mano cambierà , diventando sempre più chiaro , fino ad un bianco panna...
Trasferitela in un contenitore ben pulito e usatela ogni qual volta le vostre mani chiedono aiuto ♥
La Cold Cream è a tutti gli effetti una preparazione molto unta, che però, grazie alla cera d’api, si asciuga sulla pelle lasciandola nutrita , vellutata e asciutta.
Può essere adatta come crema notte nei periodi freddi o per pelli molto secche e sfruttate, e ripara egregiamente mani e piedi screpolati.
Non necessita di conservanti , ma tenendola fuori dal frigo dura poco; uno o due mesi al massimo. Meglio aggiungere qualche goccia di conservante per prolungarne la durata anche a temperatura ambiente ^_^


 
3 commenti on "Come realizzare una " Cold Cream " "
  1. wow utilissima : D non mi si seccano molto le mani ma d'inverno la uso regolarmente perché le voglio sempre vellutate <: )

    RispondiElimina
  2. @Burcin
    Grazie per essere passata ^_^ ....a me invece diventano subito secche, pazienza, vado di Cold cream tutte le sere !

    RispondiElimina
  3. ma si potrebbe usare anche sul viso quotidianamente?una cold cream può essere usata sul viso?

    RispondiElimina

Lascia qui il tuo pensiero o volerà come il vento....!
Grazie ♥

Auto Post Signature

Auto Post  Signature